Interessante, senza interessi

L’Associazione Culturale Jak Italia persegue la visione di una finanza libera dagli interessi, i quali costituiscono la base della speculazione finanziaria, uno dei grandi mali del nostro secolo

Filosofia

Crediamo in un sistema finanziario nel quale il denaro torni ad essere strumento a servizio dell’economia reale e non oggetto di profitto e speculazione, nel quale, secondo un principio di solidarietà, il denaro circoli verso chi ne abbia più bisogno senza meccanismi iniqui e sperequativi.

Per far ciò riteniamo fondamentale superare il dogma del tasso di interesse.

Perchè?

1) CONTRASTA CON OGNI PRINCIPIO DI SOLIDARIETÁ E GIUSTIZIA ECONOMICA… infatti:

sposta ricchezza dal più “povero” al più “ricco”

chi_siamo-la_filosofia-ricco_povero
Coloro che hanno bisogno di denaro, chiedendolo a prestito, devono pagare gli interessi a coloro che già lo detengono e ne hanno in avanzo. Ciò contrasta con ogni principio di solidarietà e giustizia economica.

L ´80% delle persone pagano più interessi di quelli che guadagnano

chi_siamo-la_filosofia-stat_guadagno
Modelli matematico-economici realizzati da economisti svedesi e tedeschi (Margrit Kennedy in testa, estratto dal libro “La moneta libera da inflazione e interesse”) evidenziano che, circa il 80% delle persone paga in media, di interessi, più di quanto riceva. Quanto detto rimane valido sia che si prenda in considerazione un lasso di tempo limitato (ad esempio, un anno), sia che si consideri la vita intera della persona.

In altre parole, il bilancio tra interessi passivi (pagati su mutui e altri prestiti, principalmente per beni di consumo e per avviare/espandere attività imprenditoriali), interessi occulti (costi del credito che tutti gli operatori della filiera produttiva portano inevitabilmente nei prezzi dei prodotti) e interessi attivi (sui conti correnti e reddito da capitale in generale) è negativo per il 80% delle persone, neutrale per un 10% e positivo per il 10% circa.

Questo processo conduce al progressivo impoverimento del 80% della popolazione: più una persona è povera, più, nel corso della propria vita, avrà bisogno di prendere prestiti; più una persona è ricca, meno ne avrà bisogno e, anzi, più guadagnerà in interessi, in virtù del solo fatto di possedere denaro.

2) E’ INSOSTENIBILE NEL LUNGO PERIODO… CRESCE INFATTI IN MANIERA CANCEROGENA…

chi_siamo-la_filosofia-malinteso_sulla_crescita
L’interesse composto cresce in maniera esponenziale (nell’immagine curva bianca) attraverso il meccanismo degli interessi sugli interessi, assumendo l’andamento delle malattie cancerogene.

La natura invece cresce in maniera molto veloce inizialmente per poi stabilizzarsi (si pensi alla crescita di un essere umano), assumendo quasi l’andamento di una retta (nell’immagine la linea più bassa).

E’ chiaro che in un mondo di risorse limitate la prima crescita non sia sostenibile.

Back to top